Costituzione intelligente

Login

ISCRIVITI AL BLOG TRAMITE E-MAIL

Articoli più letti


Blog

Dopo numerose consultazioni personali i nostri giuristi, fiduciari e consulenti hanno potuto conoscere da vicino quali sono le maggiori preoccupazioni nelle teste dei neoimprenditori. Le risposte alle domande più comuni le potete trovare sul nostro blog. Sul blog potete navigare tra i vari argomenti scegliendo il vostro tema preferito dalle diverse categorie.

Seed Financing – Investimenti nelle prime fasi di startup

Soprattutto durante l’avviamento della propria attività imprenditoriale ci si confronta con determinati costi. Per questo motivo spesso si cerca capitale esterno andando a coinvolgere investitori per finanziare l’avvio o la crescita di un’attività in settori ad elevato potenziale di sviluppo.

?????????

 

Il termine “Seed” deriva dall’inglese e significa “seme”. In ambito di Seed Financing spesso si usa dire anche finanziamento in early-stage (fase iniziale) proprio per sottolineare che tali aiuti economici vengono spesso effettuati nelle fasi d’avviamento di un’attività imprenditoriale. Come si può dedurre dal nome, si tratta di un tipo di finanziamento che comporta un apporto finanziario indirizzato ad una giovane impresa, in modo da poterla sostenere per “alzarsi in piedi e camminare da sola”. Si potrebbe quasi affermare che il finanziamento in early-stage sostituisce un prestito bancario. Ciò è soprattutto dato dal fatto, che solitamente le banche non concedono prestiti bancari ai giovani imprenditori nella fase di avviamento. In molti casi il rischio sembra essere troppo elevato.

Seed financing e rischio

Effettivamente nella maggior parte dei casi investire in una giovane impresa comporta un certo potenziale di rischio. La startup si trova ancora in una fase d’avvio o di sviluppo iniziale. Ciò significa che le persone o entità che partecipano attraverso un finanziamento in early-stage si assumono il rischio corrispondente. Tuttavia va precisato che la necessità di capitale nella fase d’avviamento non risulta essere eccessiva visto che per lo più si cerca ancora di stimare le opportunità di mercato, così come le probabilità di successo. Nonostante ciò, durante la fase dei primi finanziamenti che spesso avvengono tramite Venture Capital, si usa definire come capitale a rischio ciò che viene investito nella costruzione e lo sviluppo di una giovane impresa.

Nella cosiddetta fase “seed” risulta essere ancora più importanate il know-how specifico necessario per raggiungere la prossima fase di startup aziendale. Per questo motivo, gli investitori esterni oppure i cosiddetti venture capitalists, così come pure i business angels esperti, si specializzano sui finanziamenti in early-stage in modo da poter apportare l’esperienza e le conoscenze necessarie. Essi partecipano con una quota finanziaria relativamente bassa alle diverse startup e allo stesso tempo si tuffano in un determinato mercato con le loro conoscenze ed esperienze sostenendo le giovani imprese.

Il modo migliore per convincere investitori nella fase di avviamento comporta la stesura di un business plan fatto bene, ossia completo, realistico e veritiero. Seguite le nostre istruzioni e scoprite cosa deve contenere un business plan! Oppure fissate un colloquio di consulenza con uno dei nostri consulenti per analizzare la vostra situazione!

» Contattaci per un colloquio personale» Calcola un’offerta e costituisci ora!

nuovo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *