Costituzione intelligente

Login

ISCRIVITI AL BLOG TRAMITE E-MAIL

Articoli più letti


Blog

Dopo numerose consultazioni personali i nostri giuristi, fiduciari e consulenti hanno potuto conoscere da vicino quali sono le maggiori preoccupazioni nelle teste dei neoimprenditori. Le risposte alle domande più comuni le potete trovare sul nostro blog. Sul blog potete navigare tra i vari argomenti scegliendo il vostro tema preferito dalle diverse categorie.

Il terzo trimestre del 2016 conferma il trend positivo di nuove imprese. Boom di startup innovative.

Nei primi nove mesi dell’anno lo stock delle imprese iscritte alle Camere di commercio è aumentato di 41.597 unità, 2.227 in più rispetto allo stesso periodo del 2015, per un tasso di crescita nei nove mesi pari allo 0,7%.

Lavoro-690x360

Il bilancio positivo si aggiunge a quelli dei primi nove mesi del biennio 2014-2015 e riporta il ritmo di ricambio della base imprenditoriale ai valori del 2007. La metà nelle nuove società registrate (gennaio-settembre) è frutto del contributo di tre soli settori: turismo (+10.584 imprese), commercio (+6.703) e servizi alle imprese (+6.405).

Rispetto allo stesso periodo del 2015, nei primi nove mesi di quest’anno è cresciuta sensibilmente la componente del saldo determinata dal Mezzogiorno, passata dal 39,6 al 45,2% del totale e tutte e venti le regioni italiane hanno chiuso il trimestre con un bilancio positivo. In termini assoluti, meglio di tutte hanno fatto il Lazio (2.881 imprese in più), la Campania (+2.208) e la Lombardia (+2.061).

La lettura dei dati dal punto di vista delle forme organizzative delle imprese evidenzia, in modo incontrovertibile, l’orientamento strutturale del sistema imprenditoriale a crescere grazie all’espandersi di forme d’impresa più solide del passato. Tre quarti dell’intero saldo del III trimestre (il 74,5%) è infatti dovuto alla componente delle società̀ di capitale, aumentate di 12.069 unità per un tasso di crescita trimestrale dello 0,77%.

Dall’analisi condotta periodicamente da UnionCamere-InfoCamere emerge anche che a fine settembre 2016 il numero di startup innovative iscritte alla sezione speciale del Registro delle Imprese ai sensi del decreto-legge 179/2012 è pari a 6.363, in aumento di 420 unità rispetto alla fine di giugno (+7,07%). Il 22,4% (1.425) di queste startup innovative  è costituita da giovani con un età inferiore ai 35 anni, una quota più di tre volte superiore rispetto a quella rilevata tra tutte le società di capitali (6,85%). Le startup innovative in cui almeno un giovane è presente nella compagine sociale sono 2.430 (38,19% del totale, contro un rapporto del 13,36% se si considera la totalità delle società di capitali italiane).

In valore assoluto Milano è la provincia in cui è insediato il numero più elevato di startup innovative: 935, pari al 14,69% del totale nazionale. Seguono Roma con 539 (8,47%), Torino con 299 (4,7%), Bologna con 203 (3,19%) e Napoli con 202 (3,17%). Tutte le altre province che figurano tra le prime dieci, vale a dire Modena, Trento, Firenze, Padova e Brescia, superano le 100 unità.

» Contattaci per un colloquio personale» Calcola un’offerta e costituisci ora

nuovo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *